Monete virtuali

Il re italiano delle criptovalute a processo per autoriciclaggio

Le accuse - Natale Ferrara, "Mister Blockchain" che nel 2017 raccolse 27 milioni di dollari con la sua società svizzera Eidoo, è a giudizio a Milano con l'accusa di aver “lavato” 131 bitcoin frutto di attività illecite. Dalle carte emergono possibili collegamenti indiretti con uomini della 'ndrangheta ma l'imprenditore, che non è stato indagato per ipotesi di questo genere, nega tutto

26 Maggio 2022

“Mister Blockchain” finisce di nuovo nei guai con la giustizia. Natale Massimiliano Ferrara, l’imprenditore italiano che nell’ottobre 2017 realizzò la maggiore offerta pubblica iniziale (Ico) di criptovalute della storia nazionale, raccogliendo 27 milioni di dollari con la sua società svizzera Eidoo, è a processo a Milano per autoriciclaggio. Secondo l’accusa del Pm Stefano Civardi, Ferrara […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.