Guerra in Ucraina

Azov, la resa e i nazi-tatuaggi. Zelensky: scambio per riaverli

Bombe e diplomazia - Prokopenko portato via. Mosca: “I residenti volevano ucciderlo per le atrocità commesse”

22 Maggio 2022

Gli ultimi 531 soldati del battaglione Azov, da settimane asserragliati nell’acciaieria di Mariupol, si sono arresi nella notte di venerdì. Sale quindi a 2.439 il numero dei combattenti che hanno abbandonato le armi e ora sono nelle mani dell’esercito russo. Mosca fa sapere che valuterà “la possibilità” di uno scambio di prigionieri. Da una parte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.