Processo al leghista

Open Arms, così il dirigente del Viminale inguaia Salvini: “Le indicazioni le dava lui”

Palermo - La ong aveva un divieto di ingresso in acque italiane, che il 14 agosto venne sospeso dal Tar del Lazio

14 Maggio 2022

“Che io sappia, non lo so”. Ma anche tanti “non ricordo”, “ho saputo” e “mi hanno detto”. È la sintesi della deposizione di Fabrizio Mancini, direttore del servizio immigrazione del ministero dell’Interno, al processo di Palermo in cui l’ex capo del Viminale, Matteo Salvini, è imputato per rifiuto di atti d’ufficio e per il sequestro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.