Cropto e dintorni

Ucraina e Covid, i timori di recessione affondano il bitcoin

In picchiata - La principale criptovaluta globale è ai minimi da luglio 2021 a 33.300 dollari, sotto la metà del record storico di 69mila di novembre scorso. Pesano il rialzo dei tassi di interesse e la correlazione con i mercati azioni. Ma il peggio potrebbe ancora non essere passato

9 Maggio 2022

Il pessimismo sull’economia mondiale, con i rischi di una stagflazione in arrivo (una recessione coniugata ad alta inflazione), sta facendo affondare il bitcoin. La principale criptovaluta globale è sempre più correlata agli altri asset finanziari e, in scia con le Borse Usa, sta precipitando verso i minimi dell’ultimo anno, toccati a luglio 2021 e traina […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.