L’inchiesta

Così cinque anni fa Mosca voleva comprarsi i catalani

L’offerta - La Russia promise al leader Puidgemont soldi e soldati, ma chiedeva che Barcellona divenisse il paradiso delle criptovalute

Di Lorenzo Bagnoli e Stefano Vergine
9 Maggio 2022

Barcellona, 27 ottobre del 2017. Il Parlamento della Catalogna approva la dichiarazione d’indipendenza dalla Spagna. Poco prima, Carles Puigdemont, allora presidente della regione, riceve un’offerta da “un gruppo di russi”: in caso di secessione da Madrid, Mosca metterebbe a disposizione 10 mila soldati e i soldi necessari per ripagare il debito pubblico catalano. Il leader […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.