Diritto e ambiente

Gubbio, la guerra ai combustibili finisce sul tavolo del ministro Cingolani

Inquinamento - Due cementerie sono state autorizzate a bruciare 100mila tonnellate l'anno di Css senza che fosse rilasciata la Valutazione di impatto ambientale e senza una valutazione degli effetti cumulativi dei due impianti sulla salute dei cittadini. Che avevano già scritto al presidente Mattarella

Di Maria Cristina Fraddosio
5 Maggio 2022

La battaglia di Gubbio, 31mila abitanti, in provincia di Perugia, è finita dritto sul tavolo del ministero della Transizione ecologica, presso cui è stato incardinato il ricorso straordinario al presidente della Repubblica presentato dagli ambientalisti. L’imminente combustione di 100mila tonnellate l’anno di Css (combustibile solido secondario), da parte delle due cementerie Colacem spa e Aldo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.