L’agonia di Kharkiv

Sopravvivere come topi tra i vagoni della metro

Di Andrea Carrubba
11 Marzo 2022

I tornelli sono sempre aperti e c’è silenzio, all’ingresso della stazione della metropolitana Majdan Konstituciï, nel centrale quartiere governativo di Kharkiv. I cartelloni pubblicitari colorano le pareti lungo l’interminabile scala mobile che raggiunge una delle tante, nuove, piccole città sotterranee che stanno nascendo dal 24 febbraio, cioè da quando i russi hanno attaccato la città. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.