Lettera da Ankara

Vietato criticare Erdogan, studenti e oppositori lo sanno

Reprimere il dissenso - Alunni e docenti universitari protestano per l'aumento del costo degli affitti. Decine di ragazzi sono finiti in celle di sicurezza e ai domiciliari. Almeno 1.220 difensori dei diritti umani (solo negli ultimi 4 mesi del 2021) sono stati messi nel mirino. Alcuni processati e puniti sulla base di accuse infondate. Altri hanno subito molestie giudiziarie, minacce e ritorsioni

21 Gennaio 2022

Prosegue lo stato di emergenza in Turchia, stabilito nel 2015 dopo il fallito golpe e confermato a causa della pandemia, contribuendo a facilitare la ormai decennale guerra del presidente Recep Tayyip Erdogan e del suo governo contro i diritti umani. Mentre la popolazione soffre per l’esperimento di Erdogan in ambito economico, che anche questa settimana […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.