L'aria che respiri

Il pesticida nei parchi e in montagna: “Il glifosato viaggia con il vento”

Brutte sorprese - Secondo i ricercatori tedeschi, il composto chimico viaggia nell’aria attaccandosi alle particelle di polvere e ai pollini, e arriva anche molto lontano dal luogo in cui è stato sparso al suolo. Il pericoloso prodotto è stato trovato anche nei parchi naturali e in montagna. E noi lo respiriamo

Di Pietro Mecarozzi
14 Dicembre 2021

Si può diffondere per via aerea, trascinato dei venti arrivare nelle aree naturali protette, nei campi biologici e nell’aria che respiriamo. È la nuova sconcertante ipotesi svelata da un importante studio tedesco “Pesticide pollution of the air”, che dimostra come il glifosato e dozzine di altri pesticidi possano viaggiare nell’aria per chilometri, tra parchi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.