E la chiamano riforma

Il Csm à la Cartabia nasce già “storto”

I criteri di valutazione - Per stabilire la carriera, il sistema produce in prospettiva effetti deleteri, inducendo soprattutto nei giovani magistrati sete di protagonismo e autoreferenzialità

Di Filoreto D’Agostino
9 Dicembre 2021

Al decennale della Scuola superiore della Magistratura il presidente Mattarella ha rivolto una vibrata esortazione per una celere riforma del CSM, la velocizzazione dei processi penali e uno stile di vita dei togati scevro da protagonismo e autoreferenzialità. Sulla velocizzazione dei processi penali: la riforma Cartabia conduce piuttosto alla loro estinzione tramite l’improcedibilità dell’azione penale, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.