Lettera da Mosca

Confine bollente, braccio di ferro Usa-Russia sulla Crimea

Il Cremlino ammassa truppe al confine e l'Ucraina dichiara che è pronta a reagire. Il segretario di Stato americano fa sapere che Washington agirà se Mosca deciderà di compiere "azioni aggressive"

3 Dicembre 2021

De facto, de iure, de Putin. Più che i carri armati russi lungo il confine ucraino, nelle ultime settimane, si sono spostati solo ministri, segretari di Stato e presidenti da una latitudine all’altra del blocco est. Aleksandr Lukashenko ha aspettato oltre sette anni per fare quello che a Mosca si aspettavano da lui dal 2014: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.