Lettera da Ankara

Allarme violenze, ma per Erdogan le donne “devono stare a casa”

25 novembre - Secondo le notizie raccolte dai media indipendenti, in 326 giorni i femminicidi sono stati 285. Un corteo a Istanbul ha sfidato i divieti e la polizia. Il governo dimostra di non avere alcuna sensibilità per il tema, mentre l'economia del Paese cola a picco per le scelte fallimentari del premier

26 Novembre 2021

Il forte movimento femminista turco è stato sempre più indebolito in questi ultimi quindici anni con il consolidarsi del potere di Recep Tayyip Erdogan, ormai a tutti gli effetti un autocrate e un nemico delle donne in generale, ma soprattutto di quelle indipendenti, laiche e di sinistra, ovvero la maggior parte delle femministe. Il presidente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.