Vento di crisi

Portogallo, il premier António Costa affondato dalla faida a sinistra

Guerre interne - Il Parlamento boccia la legge di Bilancio. Per soddisfare il Partito comunista, il capo del governo aveva proposto l’aumento del salario minimo a 750 euro, asili nido gratuiti e pensioni più alte. Ma il Pcp ha giudicato queste iniziative troppo “timide”

Di Ludovic Lamant
1 Novembre 2021

La bocciatura della legge di bilancio per il 2022 da parte del parlamento portoghese, mercoledì scorso, a tarda serata, rischia di dare il colpo di grazia al governo socialista di António Costa, in carica dal 2015. Già prima del voto, il presidente della Repubblica, Marcelo Rebelo de Sousa, aveva avvisato che non avrebbe esitato a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Gentile utente ti informiamo che gli articoli 4 e 6 delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori” relativi, in particolare, all’accesso ai contenuti e alle notizie pubblicate sul sito sono stati modificati.

Ti invitiamo quindi a prendere visione della nuova versione delle “Condizioni di Utilizzo dei Servizi offerti tramite registrazione ai Lettori”, cliccando qui