Mala giustizia

Behre come Zaki: il falegname condannato, scambiato per trafficante di esseri umani

Il calvario giudiziario di Medhanie Tesfamariam Behre, arrestato il 26 maggio 2016 a Khartoum e condannato a 5 anni in Italia. Vari testimoni l'hanno affermato che era  persona sbagliata. Del caso si sono occupati i maggiori giornali internazionali

7 Ottobre 2021

È ricominciato in corte di appello a Palermo, in un’assordante silenzio e indifferenza, uno dei processi giudiziari italiani più controversi degli ultimi anni. Sul banco degli imputati, c’è seduta la persona sbagliata: l’eritreo Medhanie Tesfamariam Behre. Il giovane falegname è stato arrestato il 26 maggio 2016 a Khartoum, per poi essere estradato poche giorni dopo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.