Davanti al Csm, due giorni fa, il pm Paolo Storari ha eccepito l’incongruenza di uno dei tre capi d’incolpazione che gli vengono contestati: non essersi astenuto, nell’ottobre 2020, dall’indagine sulla fuga di notizie che riguardava i verbali di Piero Amara sulla presunta Loggia Ungheria. Una copia non firmata dei verbali in questione, in formato Word […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Figliuolo s’affida alla Madonna del Grappa

prev
Articolo Successivo

Processo Eni Nigeria, “il video di Piero Amara non fu nascosto dai pm. La società sapeva tutto”

next