Si sta avvicinando il primo anniversario della più grande esplosione non bellica dell’era moderna e i libanesi si preparano a scendere nuovamente in piazza per protestare contro una classe politica che ha portato il Libano alla bancarotta non solo economica, ma anche sociale. La mega-deflagrazione del porto di Beirut lo scorso 4 agosto a causa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

E ora 9 milioni di Tv al macero: ecco tutto quel che c’è da sapere

prev
Articolo Successivo

Attacco nel Golfo di Oman Per Israele c’è dietro l’Iran

next