In attesa che il presidente della Repubblica, Kaies Saied, a capo dell’esecutivo assieme al primo ministro come previsto dalla Costituzione “ibrida” del 2014, nomini nelle prossime ore il nuovo premier dopo aver destituito Hichem Mechichi con tutto il governo e congelato l’attività dell’Assemblea legislativa, le piazze della Tunisia sono tornate tranquille. Non solo la gente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Con la scusa del Covid, il Cremlino taglia fuori i candidati di Navalny”

prev
Articolo Successivo

La parabola del miliardario: da eroe a nemico del Dragone

next