C’era una volta il patrimonio immobiliare dello Ior, la cassaforte dello Stato Vaticano. Una volta, appunto. Fra il 2001 e il 2008 il 70 per cento di questo tesoro è stato dilapidato attraverso 50 contratti di vendita “sotto stimati”, relativi a 29 immobili. La vicenda ha portato il Tribunale del Vaticano, guidato da Giuseppe Pignatone, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Vaticano vendesi: le mani sui gioielli di “Sua Sanità”

prev
Articolo Successivo

Il duca di Borgogna, la sua amante Sofia e il pretino invaghito

next