Intorno alle 8 di ieri sera una folla di emozionati giapponesi si è ritrovata di fronte alla stazione di Tokyo e non per prendere un treno. Erano lì tutti insieme per riuscire a inserire nei propri cellulari le foto con il numero dei giorni, delle ore, dei minuti e dei secondi posizionarsi all’improvviso sullo zero, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Supermercati vuoti: Johnson dà la colpa alla app Covid, ma è Brexit a far scappare gli stranieri

prev
Articolo Successivo

Il Fatto di domani. Giustizia: i migliori aprono a “miglioramenti” sulla controriforma. La strategia di Cartabia per sfuggire al parere del Csm

next