Ankara ha commemorato il 15 luglio il quinto anniversario del fallito golpe. Durante questo lustro, il presidente della repubblica, Recep Tayyip Erdogan, ha approfittato di questo evento per disfarsi di buona parte dei quadri dell’amministrazione pubblica, delle forze dell’ordine e degli oppositori politici. C’è chi ha perso il lavoro e chi è finito anche in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ferdinandea, da 190 anni è sempre l’isola che non c’è

prev
Articolo Successivo

A luglio abbiamo già finito la produzione annua di pesce: servono comportamenti più responsabili

next