“Pensare di curare la grave patologia della lunghezza irragionevole del processo con la prescrizione, costituisce il fallimento dell’attività giudiziaria italiana”. Matteo Frasca, presidente della Corte di Appello di Palermo, non fa sconti. Pur gestendo un distretto “virtuoso” in termini di tempi processuali, non risparmia critiche alla riforma della giustizia voluta dalla ministra Marta Cartabia. “Se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il Salvaladri abolisce il carcere. Tana libera tutti fino a 6 anni

prev
Articolo Successivo

Marta, jolly di Formigoni la domenica al Santuario

next