Da Matteo Berrettini a Giorgio Chiellini, da Novak Djokovic a Harry Kane, da Wimbledon a Wembley. Tennis e calcio, ore 15 e ore 21: c’è tanta Italia, in questa domenica bestiale. Matteo deve scalare un re; la Nazionale, una regina che frigge nella sua storica ambiguità. Era il 1863, quando a Londra, nella taverna dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Villaggio e le infinite bugie. Poli e i film di Moana Pozzi. Le ‘canne’ di Patty Pravo”

prev
Articolo Successivo

Povero Nanni, oggi il debutto: “Tre Piani” corre il rischio di essere il “Piano C”

next