Il “sistema marcio” che, per gli inquirenti, lucrava sui fondi della Segreteria di Stato del Vaticano, aveva messo le mani anche sui soldi della sanità pubblica laziale. Ben 40 milioni di euro pronti a finire in “gestione” al broker Gianluigi Torzi – indagato dalla gendarmiera d’Oltretevere per peculato, appropriazione indebita ed estorsione nei confronti del […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Vicenza, le tele del Tiepolo non si vendono. Il Mic avvia l’iter per “sfilarle” ai Benetton

prev
Articolo Successivo

L’ex Br Faranda: “Noi, Nar e 007 in via Gradoli? Fu coincidenza”

next