Le polveri dell’ex Ilva di Taranto hanno impedito alle famiglie del quartiere Tamburi, il rione a pochi metri dalla fabbrica, di godere a pieno la propria casa, costringendole a vivere per anni con le finestre chiuse. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione accertando definitivamente il “ridotto godimento” del bene, cioè la negazione a godere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Tav, l’altro show: lavori per 3 mld (in mega ritardo)

prev
Articolo Successivo

I casini in Iraq di Rummy: un bordello previsto, un capolavoro d’ipocrisia

next