È il più classico pecunia non olet. Anche a costo di flirtare con il nemico, nonostante la fitta rete di relazioni a Washington. E soprattutto, di tornare sul luogo del delitto, la Russia, dove nell’ottobre 2018, all’hotel Metropol di Mosca, il presidente dell’associazione Lombardia-Russia e collaboratore di Matteo Salvini, Gianluca Savoini, incontrò alcuni uomini vicini […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

I danni dello stallo 5S: rinvio sulla Rai e ora la grana della giustizia

prev
Articolo Successivo

Recovery, Italia maglia nera sul “green”

next