Il 1° luglio scorso era un giorno di enorme valore simbolico per Hong Kong: il centesimo anniversario della fondazione del Partito comunista cinese, il 24esimo del fatidico passaggio di consegne dall’amministrazione britannica a quella cinese, avvenuto nel 1997, e il primo dall’imposizione della liberticida legge di sicurezza nazionale, imposta da Pechino a Hong Kong per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Le Pen non ritorna al Front, ma la sua destra si è stufata

prev
Articolo Successivo

Imen e i suoi fratelli: classismo, liberismo e un tocco di “rosé”

next