Per evitare di perdere l’ennesima causa, Deliveroo le aveva provate tutte: persino portare un finto rider come testimone davanti al giudice. Alla fine, però, la sconfitta (sonora) è arrivata comunque: ieri il Tribunale di Bologna ha stabilito che il contratto dei rider – firmato dalle app e dall’Ugl – è illegittimo, quindi non deve essere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Modello Bangladesh e modello Salvini

prev
Articolo Successivo

Antiriciclaggio: Italia maglia nera, ma vuole la sede dell’Autorità Ue

next