Le violenze degli agenti di polizia penitenziaria che il 6 aprile 2020 pestarono a sangue i detenuti del carcere di Santa Maria Capua Vetere, per alcuni politici e alcuni quotidiani e tv furono favorite dal clima giustizialista del governo precedente e dal ministro della Giustizia M5S, Alfonso Bonafede, accusato di inerzia nei confronti di quegli […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il mistero dello statuto nascosto

prev
Articolo Successivo

Quando Salvini abbracciava i torturatori

next