A New York il termometro ha raggiunto i 36 gradi e l’”effetto canyon” tra i grattacieli, provocato dal calore rilasciato dai muri dei palazzi, rende il caldo ancor più soffocante e persistente ma tutto sommato qui ce la stiamo cavando bene se paragoniamo la situazione con l’”heat dome”, la cappa di calore, che si è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La stretta di Erdogan contro l’opposizione fomenta la violenza di polizia ed estremisti

prev
Articolo Successivo

La Francia del calcio “annientata”. Sì alla fecondazione assistita per donne gay e single

next