Poker “Non sai mai cosa pensi dietro quella faccia da poker” (Carsten Brzeski, capoeconomista della banca olandese ING a The Wall Street Journal). “La sua mimica facciale in pubblico ha poche varianti. È capace di sedere per un’ora senza muovere un muscolo della faccia, immobile come una statua. In trent’anni di carriera Draghi ha perso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Mentre passiamo bruciando”: ritratto della generazione che voleva tutto

prev
Articolo Successivo

La paura si chiama “delta”

next