Che bella cosa l’amicizia. Oggi l’amico di Luigi Bisignani, Gianluca Di Nardo, potrebbe vedersi restituire 19 milioni e 328 mila euro. Quei soldi per il giudice di primo grado che li ha confiscati sarebbero “profitto diretto” dell’attività di corruzione internazionale svolta nel 2010 da Di Nardo e dal finanziere nigeriano Obi per la cessione all’Eni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Tra dichiarazioni e pizzini, il mistero dei soldi di Cosa Nostra a Berlusconi

prev
Articolo Successivo

Berlino2: è la “nuova” Libia. Via i mercenari e voto libero

next