Dopo la condanna emessa a gennaio 2019 dalla Corte europea dei diritti dell’uomo rispetto alla gestione dell’Ilva, il 30 giugno scade il termine ultimo concesso all’Italia dal Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, la principale organizzazione di difesa dei diritti umani del Vecchio Continente composta da 47 Stati membri, per dimostrare di aver tutelato la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La vignetta di Natangelo

prev
Articolo Successivo

Liquidità per le imprese, scontro con l’Ue sugli aiuti

next