Un moderato nella morsa dei conservatori: Abdolnasser Hemmati, governatore della Banca centrale iraniana, è rimasto l’unico riformista in lizza nelle elezioni presidenziali iraniane di oggi, il cui esito sarà determinante per un rilancio dei negoziati sul nucleare con gli Usa e gli altri firmatari dell’accordo del 2015 denunciato da Donald Trump. Hemmati, 65 anni, professore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Nel ‘Rinascimento’ di MbS si tagliano ancora le teste

prev
Articolo Successivo

“Mille” di questi Ferragnez. Il tormentone ha lo sponsor

next