“Ciò che mi ha colpito ascoltando Giovanni Brusca è la lucidità e la freddezza con la quale parlava del suo passato, delle stragi e degli omicidi commessi”. Luca Tescaroli, procuratore aggiunto a Firenze, ha interrogato decine di volte Giovanni Brusca, il mafioso che da poco ha lasciato il carcere dopo aver finito di scontare la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’ultima relazione su Brusca: ecco perché è libero

prev
Articolo Successivo

Donne, motori e dolori (di una cattolica praticante fidanzata)

next