Lo scontro sui poteri dell’Autorità anticorruzione termina con un compromesso che lascia Anac in un limbo. La Funzione pubblica di Renato Brunetta chiarisce (per ora) che non toglierà all’Authority i poteri in materia di vigilanza sui piani anticorruzione della P.A., ma si appropria di funzioni molto simili e si riserva margini di intervento. Si chiude […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Nasce l’agenzia cyber: cosa cambia

prev
Articolo Successivo

Il maxi-yacht e la strana vendita tra due uomini vicini a Salvini

next