Paghe basse, nessun controllo sui contributi previdenziali, Iva evasa per circa 20 milioni grazie a un triangolo societario dove le cooperative che forniscono lavoro sono solo “serbatoio di mano d’opera” mal pagata e i consorzi, anche se in perdita, “società filtro” che emettono fatture false al committente “dissimulando una mera somministrazione di manodopera non imponibile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Come sta il calcio? Lo speciale del Fatto.it: l’intervista di Padellaro a Malagò, il dialogo tra Gomez e Moratti e lo speciale sul Venezia

prev
Articolo Successivo

Quelle targhe sbagliate, che lasciano ricordi più forti

next