“Mio figlio non si è ammazzato perché vittima di razzismo. È sempre stato amato e benvoluto”. Le parole di Walter Visin, padre adottivo di Seid, smentiscono il possibile collegamento del 20enne e un suo post pubblicato su Facebook alcuni anni fa. Venerdì l’associazione “Mamme per la pelle”, che si batte contro le discriminazioni razziali, aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Ciro Grillo e gli altri vogliono risarcire la seconda vittima

prev
Articolo Successivo

Venezia, riecco i giganti del mare in Laguna. Tensioni fra la polizia e i “No Grandi Navi”

next