È sempre un piacere ascoltare Barbara Alberti e con gli anni il piacere aumenta perché i suoi chignon grigio perla, il suo sguardo saettante, il suo sorriso di coccodrillo sono altrettante prove di come si possa invecchiare splendidamente (“Ogni tanto cammino, e se mi vedo riflessa in una vetrina mi dico: ‘Ma chi è quella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Ma che ‘Azelio’ mò se scrive con la ‘g’?” E il Comune scivolò sulla targa a Ciampi

prev
Articolo Successivo

In Italia mancano 4 mila medici. E le Regioni bloccano i concorsi

next