Devozione verso gli dèi del calcio (l’unica fede che col tempo non demorde, anzi rinfocola) ne abbiamo vista tanta, ma mai abbiamo visto amare un giocatore quanto fu amato Roberto Baggio. A Firenze avevo un compagno di università, tifoso sfegatato della Fiorentina, che quando Roby fu ceduto passò anche lui alla Juventus, non so se […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Di Fazio, le sue “relazioni pericolose” e la nuova mappa delle ’ndrine a Milano

prev
Articolo Successivo

“Il mondo è cambiato, e anche io. Aiutiamo Gaza a vivere meglio”

next