Dall’inizio degli Anni 90 la riduzione delle emissioni di gas serra è divenuta una questione sempre più centrale per i Paesi Ue. Siccome eravamo nella fase orgasmica del neoliberismo, l’Unione ha tradotto questa sensibilità nell’unico linguaggio che riusciva a parlare, quello del mercato. Da un lato ha promosso la liberalizzazione (privatizzazione) del settore energetico, dall’elettricità […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

I prezzi della C02 alle stelle: pericoli per famiglie e imprese

prev
Articolo Successivo

Gli under 13 sono il nuovo problema del business social

next