Mentre sfrutta decine di migliaia di fattorini, grazie a una rete di 50 società di comodo olandesi nel 2019 a livello globale Uber ha dichiarato ai fini fiscali 4,5 miliardi di dollari di perdite operative. Con questo schema, rodato sin dalla primavera 2013, la multinazionale della gig economy è riuscita a eludere le tasse su […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Le firme anti-Speranza: un altro flop dei renziani

prev
Articolo Successivo

“Abbiamo veri paradisi fiscali nel mezzo dell’Ue: ora cambiare le regole”

next