Una targa vuol dire molto o niente. Quella dedicata l’altro giorno al capitano dei carabinieri Mario D’Aleo al liceo Cavour di Roma vuol dire molto. Perché il capitano in quel liceo ci aveva studiato, ne era stato allievo, anche se per molto tempo la stessa scuola se n’era dimenticata. E perché l’intitolazione è avvenuta con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Luana, Fedez. Lo “sceneggiato” Rai che oscura i lavoratori: riflettori accesi (se la vittima è bella)

prev
Articolo Successivo

Il sonno della ragione: il principe ha abusato di Biancaneve dormiente

next