Lettera da Tokyo

Declino delle nascite e contagi da Covid, ma la preoccupazione del Giappone resta la Cina

Al G7 si è parlato delle azioni marittime di Pechino e del mancato rispetto dei diritti umani. Il Paese, però, deve fare i conti con il virus (e con un terzo stato d'emergenza), e metà della popolazione è convinta che le Olimpiadi non siano opportune. Sul fronte culle, il totale dei bambini sotto i quindici anni è sceso a 14,93 milioni, la cifra più bassa registrata dal 1950

Di Fabiola Palmeri
7 Maggio 2021

La settimana si è aperta con la partecipazione del ministro degli Esteri Motegi Toshimitsu al vertice dei G7 a Londra –primo incontro in presenza dei ministri delle sette economie più sviluppate dall’inizio della pandemia – dove ha riferito apertamente della “seria preoccupazione” giapponese per i tentativi unilaterali della Cina, finalizzati a destabilizzare lo status quo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.