Il braccio di ferro tra i Paesi e la Commissione europea nella stesura dei Recovery Plan durerà senz’altro oltre la scadenza del 30 aprile, quando i piani dovranno essere inviati a Bruxelles. Al centro dei negoziati non ci sono solo i progetti e le risorse – incardinati in una complessa e a tratti astrusa griglia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Commissione inchiesta. Omissis e reticenze su Fontana&c.

prev
Articolo Successivo

I decreti Recovery sono 2: uno ad hoc per i temi “green”

next