Eravamo troppo giovani e ignoranti, noi di Lotta Continua, per comprendere il complimento che ci rivolgeva Giorgio Bocca, quando scriveva che appartenevamo al filone culturale gobettiano e azionista. Alcuni grandi vecchi che da lì provenivano – Ferruccio Parri, Vittorio Foa, Nuto Revelli, Norberto Bobbio, Carlo Casalegno, Leo Valiani – avevano con noi un rapporto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Video. La gioia di Darnella, che a 17 anni ha fatto storia

prev
Articolo Successivo

Grillo, le parole e la violenza

next