Oggi la Corte europea dei Diritti umani si pronuncerà sulla detenzione dello scrittore ed editorialista turco Ahmet Altan, in carcere da cinque anni, inizialmente condannato all’ergastolo sulla base di accuse prefabbricate di complicità con i sostenitori del fallito golpe del 2015. Ahmet assieme al fratello Mehmet, economista e giornalista di formazione marxista, erano già finiti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Gas, petrolio e armi: la “ricompensa” libica all’aiuto del Sultano

prev
Articolo Successivo

AQ Khan e l’atomica per i nemici di Israele

next