In origine doveva essere un “contentino” da concedere a Matteo Salvini per non fare le barricate in Consiglio dei ministri. Ma ora quell’inciso inserito nel decreto Aprile rischia di trasformarsi in un boomerang per il governo Draghi. Sia perché molti giuristi attaccano l’esecutivo che in questo modo si garantisce pieni poteri sulle norme anti Covid, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il Recovery “bis”, tutto deroghe e triple task force

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next