La cronistoria della nuova ondata di violenza in Irlanda del Nord è altamente simbolica, perché si intreccia con ricorrenze e luoghi storici della guerra civile fra unionisti e repubblicani che ha sconvolto l’Ulster per decenni, dal 1968 agli accordi di pace del 1998. È il venerdi di Pasqua, anniversario di quegli accordi, quando circa 300 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Rafale Papers: i caccia all’India e lo scandalo che imbarazza l’Eliseo

prev
Articolo Successivo

Stop alle armi, provaci ancora Joe

next