La notte prima non dormì affatto bene, era molto agitato Francesco Carluccio: l’indomani, il 17 marzo 1981, avrebbe dovuto dirigere una perquisizione a Castiglion Fibocchi, negli uffici di Licio Gelli, un nome che continuava a saltar fuori nell’inchiesta milanese per la bancarotta di Michele Sindona. Forse l’allora maresciallo maggiore Carluccio, oggi energico e gentile ottantaquattrenne, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Riso come pericolo, il divertimento parte con l’adrenalina

prev
Articolo Successivo

Lucrezia Lante della Rovere: “A 50 anni suonati mi sento una vera scappata di casa con un carciofo in testa”

next