Riassumere l’intricata vicenda che ha coinvolto l’ex portiere Matteo Sereni, la sua ex moglie Silvia Cantoro e i due figli avuti dalla coppia è un’operazione tristemente complessa. Di sicuro, sebbene la storia racconti con efficacia il cortocircuito della giustizia e il fallimento degli assistenti sociali, il dipingere come “martire” sulla stampa Matteo Sereni è un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Al freddo, sporchi e senza comunicare. Così tengono rinchiusi Ramy e Zaki”

prev
Articolo Successivo

L’estate fottutadei nostri timori

next